Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia eBook

Squillogame.it Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia Image

Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia PDF. Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia ePUB. Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia MOBI. Il libro è stato scritto il 2013. Cerca un libro di Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia su squillogame.it.

In questo libro gli autori documentano che la società italiana, pur essendo entrata nella famiglia delle società industriali avanzate, continua ad essere caratterizzata da un diffuso e radicato analfabetismo scientifico quotidianamente alimentato dalla esiziale presenza attiva di ideologie radicalmente ostili alla scienza, alla tecnica e al mercato. Il che costituisce uno sconcertante paradosso storico, dal momento che sono proprio la scienza, la tecnica e il mercato i potenti motori di quella epocale rivoluzione in permanenza che siamo soliti chiamare modernizzazione. Il risultato è un libro indispensabile per prendere coscienza di ciò che il nostro Paese ha bisogno per evitare la deriva della regressione storica e per garantire un futuro alle nuove generazioni.

NOME DEL FILE: Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia.pdf

DIMENSIONE: 4,84 MB

DATA: 2013

SCARICARE
LEGGI ONLINE

Contro la modernità. Le radici della cultura ...

Nato a Ruvo di Puglia si laurea in Scienze Politiche presso l'Università di Roma nel 1964. Nel 1971 ha conseguito la libera docenza in Sociologia politica e nel 1981 ha vinto la cattedra della stessa materia.

Contro la modernità. Le radici della cultura ...

Contro la modernità. Le radici della cultura antiscientifica in Italia di Elio Cadelo e Luciano Pellicani I consumi culturali, e cioè giornali, libri, teatro e tutto ciò che ha a che fare con la trasmissione della conoscenza e dell'informazione scritta, sono oggi appannaggio di appena il 24% della popolazione.

LIBRI CORRELATI