La sparizione dell'arte eBook

Squillogame.it La sparizione dell'arte Image

Siamo lieti di presentare il libro di La sparizione dell'arte, scritto da none. Scaricate il libro di La sparizione dell'arte in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su squillogame.it.

"L'arte è passata ovunque nella realtà. Si dice che l'arte si smaterializzi. È esattamente il contrario: l'arte oggi è passata ovunque nella realtà. È nei musei, nelle gallerie, ma altrettanto è nei detriti, sui muri, nelle strade, nella banalità di ogni cosa oggi sacralizzata senza altra forma di procedimento. L'estetizzazione del mondo è totale. Come abbiamo a che fare con una materializzazione burocratica del sociale, una materializzazione tecnologica del sessuale, una materializzazione mediatica e pubblicitaria del politico, così abbiamo a che fare con una materializzazione semiotica dell'arte. È la cultura intesa come ufficializzazione di tutto in termini di segni e di circolazione di segni. Ci si lamenta della commercializzazione dell'arte, della mercantilizzazione dei valori estetici. Ma questo è un vecchio ritornello borghese e nostalgico. Bisogna ben più temere, al contrario, l'estetizzazione generale delle cose. Molto più che la speculazione mercantile, bisogna temere la trascrizione di tutto in termini culturali, estetici, in segni museografici. Questo è la cultura, la nostra cultura dominante, l'immensa impresa di stoccaggio estetico, di risimulazione e reprografia estetica di tutte le forme che ci circondano. Questa è la più grande minaccia, è ciò che io chiamerei il grado Xerox della cultura."

NOME DEL FILE: La sparizione dell'arte.pdf

DIMENSIONE: 1,90 MB

DATA: 2012

SCARICARE
LEGGI ONLINE

La sparizione dell'arte - Jean Baudrillard | GoodBook.it

La sparizione dell'arte di Jean Baudrillard. Abscondita, 2012 - Nelle provocatorie tesi di Jean Baudrillard, quando tutto diventa arte, l'arte, perduta la sua autonomia creativa, ...

Baudrillard, Jean. La sparizione dell'arte, Abscondita ...

A differenza dell'arte classica non esercita il dominio simbolico della presenza e della trascendenza, esercita solo il dominio simbolico della sparizione. E il suo fascino non è più quello della seduzione delle forme, come nell'arte classiche, è la fantasmagoria della propria sparizione. Non seduzione, ma fascinazione.

LIBRI CORRELATI